Social reading Bookglutton:leggere, creare gruppi, commentare ed interagire su facebook

Social reading Bookglutton: leggere, creare gruppi, commentare ed interagire su facebook

Il tema di oggi è la lettura, e precisamente parliamo di bookglutton. Bookglutton è una piattaforma social reading nella quale si possono leggere libri online. Nello stesso tempo lo possiamo definire un social network, visto che possiamo interagire anche su facebook.

Nella didattica lo possiamo utilizzare per la lettura collaborativa,  infatti possiamo creare un gruppo e condividere il libro che vogliamo, ed inoltre i componenti del gruppo possono  inserire dei commenti, che rimangono comunque all’interno del gruppo.

Ma vediamo nel dettaglio cosa possiamo fare con questo strumento.

Per prima cosa dovete creare un account oppure entrare con quello di facebook. Una volta entrati avete la possibilità di consultare tutti i libri che desiderate nell’archivio online, divisi per categoria (la maggior parte in inglese). Cliccando invece su “gruppi” potete creare il vostro primo gruppo, (quello della vostra classe).

Dopo aver creato il gruppo, ad esempio la vostra classe, avete tre possibilità per invitare le persone: attraverso il facebook, username di bookglutton, oppure via email. Per chi riceve l’email  accetta l’invito  e poi deve visitare il sito di bookglutton per creare l’account, cliccando su “i miei gruppi” può cominciare a leggere i libri caricati

.

Come scegliere i libri?

Allora, abbiamo due possibilità: scegliere un libro dall’archivio della piattaforma bookglutton oppure caricare noi stessi un libro a nostro piacere in formato epub oppure in html. Il libro da caricare lo possiamo scegliere dal sito http://it.feedbooks.com/  (con più di 3000 ebook in formato epub), dal nostro computer oppure dal web, riportando l’url.

 Una volta che avete caricato il libro lo potete condividere con il gruppo di lettura cliccando su “Sharing”. Se andate nella pagina del vostro gruppo, i libri che avete caricato gli trovate in fondo alla pagina, all’inizio ci sono quelli suggeriti dalla piattaforma bookglutton.

Ecco come si presenta la lettura sulla piattaforma bookglutton.

 

In basso notate le frecce per andare avanti oppure indietro. Sempre in basso a sinistra, cliccate per vedere il capitoli del libro. In basso a destra invece, troverete il codice embed per incorporare il libro sul vostro blog. In alto a sinistra avete la possibilità di interagire su facebook, relativo al libro che leggete in quel momento. In alto a destra invece, potete scegliere il gruppo di lettura. Subito sotto, potete notare che si possono inserire dei commenti, man mano che andiamo avanti con la lettura. Nella colonna a destra quindi, possiamo vedere tutti i commenti che ogni componente del gruppo ha lasciato.

Per aprire la parte di facebook e quella dei commenti basta cliccare sul simbolo, come nell’immagine sottostante.

Come inserire i commenti?

Selezionare il testo e poi in alto a destra inserite il vostro commento e salvate.

Prima di chiudere il libro dovete salvare cliccando in alto a destra “save&exit”.

Qui il sito di Bookglutton per iniziare a condividere i vostri libri.

Anche per oggi è tutto!

Alla prossima

Anisa Dedej

Flipsnak. Convertire i file PDF in un flipping book

Flipsnak. Convertire i file PDF in un flipping book

Questa volta affrontiamo i file PDF, e lo facciamo con il programma Flipsnack. Con flipsnack possiamo convertire i file PDF e trasformarli in un flipping book. Sicuramente presentare un documento con questo formato stimola  notevolmente la lettura da parte dei ragazzi.

Vediamo insieme alcune delle caratteristiche di flipsnack:

  • E’ un software gratuito

  • Posso caricare file PDF ed inserire immagini in formato jpeg

  • Posso caricare fino ad un massimo di 15 pagine per flipbook

  • Il formato file che viene fuori una volta terminato il flipbook è un file flash (SWF) e un file HTML.

  • Possiamo personalizzare il flipbook, aggiungendo qualche immagine, il colore dello sfondo, la copertina ed altro ancora.

  • Posso condividere il flipbook  attraverso il link diretto, via email, condividerlo su un sito/blog con il codice embed, scaricarlo sul proprio computer. Inoltre posso condividere il flipbook anche sui social network, facebook  e twitter

  • Posso rendere il libro pubblico oppure privato.

 

Un esempio di flipbook.

http://www.flipsnack.com/FBF96CF569B/fh5ed0ql

 

Un tutorial in inglese

http://www.youtube.com/watch?v=oRa0TeFaNXs

 

Anche per questa volta è tutto.

 

Alla prossima

Anisa Dedej

 

ePUB Editor. Un programma per realizzare ebook interattivi e multimediali online didattici

 

Oggi  parliamo dell’ebook, tra l’altro argomento di attualità, visto che dovrebbe (non si capisce bene) essere la grande novità nelle scuole italiane a partire dal prossimo settembre. Il programma in questione è l’ePubEditor, con il quale, possiamo realizzare ebook multimediali ed interattivi

 

.

 

Un esempio di ebook realizzato con ePUB Editor

Quali sono le caratteristiche dell’epubeditor?

 

  • Prima di tutto, è un servizio gratuito (almeno per il momento)

  • Si lavora in un ambiente online, quindi ottimo strumento per non appesantire la memoria del vostro computer/tablet

  • si realizzano degli ebook in formato EPUB3

  • come anticipato precedentemente, si ha la possibiltà di rendere il vostro ebook interattivo e multimediale, infatti possiamo inserire immagini, audio, video

  • oltre ai file multimediali, diventa interattivo dal momento in cui possiamo inserire delle domande, realizzare dei veri quiz.

 

Caricare le immagini online (es. dropbox)

 

  • di conseguenza diventa un ottimo strumento per scopi didattici, cosa c’è di meglio di un ebook interattivo (magari collaborando perché no con gli studenti, invece che il noioso PDF, spacciato come l’ebook digitale)
  • inoltre ottima l’idea di poter condividere la realizzazione dell’ebook con altre persone (es. in una classe ogni studente edita una o due pagine per completare un progetto )

  • un altro elemento importante è che, volendo possiamo esportare l’ebook anche come oggetto SCORM, quindi vuol dire che possiamo inserirlo nelle piattaforme elearning (es Moodle), punto fondamentale per ottenere il tracciamento delle attività di studio dei corsisti.

  • ovviamente non potevano mancare i link ipertestuali e l’inserimento delle note

  • all’interno del sito potete usufruire anche di un forum di supporto

  • e per concludere prima di iniziare  è necessario fare la registrazione.

A voi la parola, per iniziare il primo ebook

 

 

Alla prossima

Anisa Dedej